Disneyland Paris: investimento da 2 miliardi di Euro e tre nuove aree tematiche

Disneyland Paris riceve il più grande investimento dal giorno della sua apertura.

The Walt Disney Company investirà 2 miliardi di euro per ingrandire Disneyland Paris. Ad annunciarlo è stato Bob Iger poche ore fa durante un incontro con il Presidente francese Emmanuel Macron.

L’investimento permetterà di aggiungere all’interno del parco Walt Disney Studios, tre nuove aree tematiche dedicate alla Marvel, a Frozen e a Star Wars.

“Oggi Walt Disney Company annuncia un investimento da 2 miliardi di d’euro per allargare il parco Disneyland Paris.

Questo sarà l’investimento più importante che il parco d’attrazione Disneyland Paris abbia mai avuto dalla sua apertura nel 1992. Questo investimento permetterà di costruire tre nuove aree: una per Frozen, uno per Star Wars ed uno per Marvel. “

Ha detto Bob Iger.

© Le immagini ed i marchi appartengono ai legittimi proprietari e sono inseriti al solo scopo informativo. Immagini ritenute non utilizzabili, vanno segnalate alla redazione (sezione INFO).

Stefano Terzoli

Stefano Terzoli

Nato nel 1988, è attualmente studente in Lingue Orientali all'università! Nonostante lo studio, passa il 90% del suo tempo a guardare Film e Telefilm di ogni tipo e genere. Grande fan dei Classici Disney fin dai suoi primi mesi di vita, colleziona tutto ciò che è possibile collezionare. Appassionato di Box-office, si occupa della sezione apposita e delle ultime news in campo cinematografico. 🙂
Stefano Terzoli

Stefano Terzoli

Nato nel 1988, è attualmente studente in Lingue Orientali all'università! Nonostante lo studio, passa il 90% del suo tempo a guardare Film e Telefilm di ogni tipo e genere. Grande fan dei Classici Disney fin dai suoi primi mesi di vita, colleziona tutto ciò che è possibile collezionare. Appassionato di Box-office, si occupa della sezione apposita e delle ultime news in campo cinematografico. :)

Un pensiero riguardo “Disneyland Paris: investimento da 2 miliardi di Euro e tre nuove aree tematiche

  • marzo 7, 2018 in 9:00 pm
    Permalink

    Peccato solo dover aspettare fino al 2021 per vedere i primi importanti risultati e il 2025 per vedere tutti i progetti completi. Comunque la notizia è ottima!

    Risposta

Rispondi