ESCLUSIVA: Intervista a Marjorie Biondo, voce italiana di Belle (e non solo)

È stata la voce di Belle, ma non solo! Tra i  personaggi da lei doppiati troviamo anche Odette, Pollicina e Lady Juliana. 

La Gazzetta Disney ha avuto la fantastica possibilità di porre alcune domande all’amatissima voce italiana di Belle (canto), Marjorie Biondo. La cantante è sicuramente una delle voci più amate dai ragazzi cresciuti negli anni ’90, e tra la artiste che non dimenticheremo mai. (Le domande sono state poste sia dai fan che da noi della Redazione.)
Buona lettura!

la bella e la bestia

Vi sono differenze tra il doppiare un film Disney, FOX o Warner?

Nei film Disney che ho doppiato ho riscontrato una grande attenzione ai dettagli sia nell’interpretazione che nel somigliare il più possibile all’originale.In più vigeva la regola che un personaggio Disney dovesse rimanere associato sempre e solo alla stessa voce pertanto non era più possibile interpretare altri personaggi.

Come ha ottenuto il ruolo di Belle e di Odette? Fece il provino oppure la chiamarono direttamente?

Feci il provino per tutti e due i ruoli. Lo scopo del provino è cercare voci che somiglino il più possibile all’originale, questa è la fase più complicata, per far si che questo accada c’è bisogno di lasciarsi completamente trasportare nell’imitazione vocale e allo stesso tempo esprimere un’emozione. Concentrazione massima e cuore, passione. Ragione e sentimento. Una grande scuola insomma.

Se dovesse scegliere un personaggio tra Belle, Sally ed Odette, quale sceglierebbe? A quale è legata maggiormente?

In realtà sono legata a tutti e tre i ruoli perché li ho registrati in momenti diversi e ognuno di questi mi ha dato tantissimo. Se proprio dovessi scegliere, ovviamente dovrei dire di essere legata di più al personaggio di Belle. Ero molto giovane, avevo 19 anni, ed è stato il mio primo lavoro nel doppiaggio dei cartoni Disney. Già durante il provino avevo capito che quel film avrebbe avuto una grande risonanza ed ero emozionantissima. Quando arrivò dall’America la notizia che ero stata scelta per me fu una gioia immensa che ancora ricordo! Inoltre, ho avuto l’onore di essere diretta dal grande maestro Carapellucci, fautore di tutti i doppiaggi cantati dei più grandi classici Disney.

Invece, c’è stato qualche film in cui ha partecipato, che non ha amato particolarmente?

Direi di no. Tutti i film che ho doppiato mi hanno lasciato qualcosa e mi hanno anche insegnato tanto.

Qual è stata la canzone più complessa che le è capitata di cantare?  In La Bella e la Bestia “Something There” sembra particolarmente difficile, soprattutto nell’ultima parte della canzone. È stata effettivamente complicata da registrare come sembra?

Si, sicuramente quello è uno dei momenti più complessi. Ne ”La Bella e la Bestia” fu richiesto di avvicinarmi il più possibile alla voce di Paige O’Hara. Per me che nasco come cantautrice fu una una sfida perché ero abituata ad essere solo me stessa e ad esprimere solo me stessa in totale libertà. Quella richiesta mi creò molta difficoltà all’inizio, anche perché dovetti cantare di fronte a un folto gruppo di persone tra tecnici, assistenti alla direzione e supervisori! Ma ero in buone mani. Il maetro Carapellucci insieme a Ernesto Brancucci mi guidarono con passione e professionalità insegnandomi a mantenere quella libertà anche nell’imitazione.

C’è qualche aneddoto, o momento divertente, che le è capitato durante le registrazioni delle canzoni che le piacerebbe raccontarci?

Durante la registrazione di “Pollicina” il registro vocale richiesto doveva essere molto molto alto. In questo film ho anche fatto il dialogo ovviamente sempre con quel registro e la cosa risultò alquanto ardua. Parlare per ore in quella tonalità! Un giorno un collega ebbe pietà di me e cominciò a portarmi barattoli di miele in quantità industriali per ammorbidire la voce… alla fine ci siamo ritrovati in molti a fare pause miele.. una specie di banchetto!

Ha avuto modo di incontrare Alan Menken?

Purtroppo no…sarebbe una grande emozione incontrarlo! Chissà, magari un giorno…

Ha avuto difficoltà a fronteggiarsi nel ruolo di Lady Juliana che in originale è affidato a Celine Dion? 

È stato un grande onore per me essere scelta per quella parte. Rapportarsi con Celine Dion richiede un grande impegno. La canzone “The Prayer” forse è una delle più belle che ho cantato ed è stato molto piacevole lavorarci perché la melodia e il mondo a cui si riferiva li ho sentiti sempre molto vicini a quello che sono in realtà.

Cosa pensa del doppiaggio italiano attuale dei film d’animazione? Riscontra delle differenze rispetto agli anni passati?

Si, sto notando che nei film d’animazione, pur essendo diventati sempre più d’effetto al livello di resa dopo il passaggio dall’analogico al digitale, si sia forse un po’ persa quella dolcezza di una volta nell’interpretazione. Vi ricordate la voce di Cenerentola o di Aurora? Erano magiche. Non è un male questo, i tempi cambiano e anche i gusti. Le nuove generazioni sono abituate ormai a voci molto presenti con dimostrazioni di bravura attraverso voli pindarici sulle vette più alte dei più improbabili registri…

Saprà sicuramente che a marzo del 2017 uscirà il Live Action de La Bella e la Bestia, le piacerebbe avere un cameo nella versione italiana? Vi sono possibilità a riguardo?

Al momento non ho avuto notizie a riguardo ma si, mi piacerebbe molto!

Domanda da 1 milione di dollari: il suo Classico Disney preferito? (non vale dire La Bella e la Bestia :P)

In realtà ne ho quattro di preferiti! “La Bella Addormentata nel bosco”, “Cenerentola”, “Biancaneve e i sette nani” e “Bianca e Bernie”. Hanno accompagnato la mia infanzia. Allora non esistevano ancora le VHS, c’erano i vinili a 33 giri con tutto il dialogo e le canzoni. Li ho consumati tutti a forza di ascoltarli!

Se potesse scegliere di dare la voce ad un personaggio non necessariamente Disney, quale sceglierebbe?

Merida nel film Brave! Sonorità celtiche che mi sono familiari.

Che ricordi ha della sua esperienza a Sanremo, e come si è avvicinata al mondo della musica?

Sanremo? Una grande ansia! Ero nelle nuove proposte. È stata una bellissima esperienza e allo stesso tempo terribile. In tre minuti devi dare il meglio di te in eurovisione. È una centrifuga ma anche una grande occasione, soprattutto per chi è emergente. La Musica è con me da sempre da quando sono nata. Mio padre mi ha insegnato ad apprezzarla, a sentirla non con le orecchie ma con il cuore fin da piccolina. A tredici anni i miei genitori mi portarono a vedere i musicals “Cats” e “Il Fantasma dell’Opera” a Broadway. Dopo averli visti ho preso la chitarra e ho cominciato a tirare giù gli accordi di quelle musiche e a cantarle. Cominciai così. Poi ho iniziato a scrivere canzoni e non ho mai più smesso. Ed eccomi qui ancora a scrivere per il prossimo disco che sto creando insieme a Daniele Sinigallia, musicista e produttore folk/rock/elettronico con cui stiamo dando forma al progetto musicale Fly Free.

È appassionata di cinema e/o Serie TV?  Se si, quale ama particolarmente?

Il cinema mi piace molto ma ahimè non ho mai molto tempo per dedicarmici. Da poco il mio compagno ed io ci siamo appassionati a una serie, “Prison Break”, che non ha molto a che fare con le principesse delle fiabe!

Cosa direbbe a tutti i fan italiani che sono cresciuti con Belle, Odette e Pollicina e che collegano immediatamente quei personaggi alla sua voce? Si sente in qualche modo una principessa? A quale di questi personaggi pensa di assomigliare caratterialmente?

Innanzitutto ringrazio tutti coloro, sia in Italia che all’estero, che ancora mi scrivono dopo tanti anni dimostrandomi tanto affetto. Sono loro a farmi sentire una vera principessa! Tra tutte, quelle che sento più familiari caratterialmente sono Odette e Belle. Anche se, a dire la verità, ho trovato qualcosa in ognuna di loro. Forse perché interpretandone il ruolo ci sono entrata in simbiosi. Mi hanno lasciato qualcosa, quella magia che avvolge le fiabe, la certezza di un lieto fine e il credere che niente è impossibile!

Ringraziamo la bravissima Marjorie Biondo per la disponibilità! Ed ora tutti a guardare La Bella e la Bestia, forza!


Filmografia film d’animazione (Da Il Mondo dei Doppiatori):

  • “Pollicina” (Voce di Pollicina)
  • “Hubie all’inseguimento della pietra verde” (Voce di Marina)
  • “La principessa sul pisello” (Voce di Daria, parte cantata)
  • “L’incantesimo del lago” (Voce della principessa Odette, parte cantata)
  • “La spada magica – Alla ricerca di Camelot” (Voce di Lady Juliana, parte cantata)
  • “Nightmare Before Christmas” (Voce di Sally, parte cantata)
  • “La Bella e la Bestia” e “La Bella e la Bestia: Un magico Natale” (Voce di Belle, parte cantata)
  • “Mulan 2” (Voce di Su, parte cantata)
  • “Il bianco Natale di Topolino” (Voce di Belle)

 

© Le immagini ed i marchi appartengono ai legittimi proprietari e sono inseriti al solo scopo informativo. Immagini ritenute non utilizzabili, vanno segnalate alla redazione (sezione INFO).

Stefano Terzoli

Nato nel 1988, è attualmente studente in Lingue Orientali all'università! Nonostante lo studio, passa il 90% del suo tempo a guardare Film e Telefilm di ogni tipo e genere. Grande fan dei Classici Disney fin dai suoi primi mesi di vita, colleziona tutto ciò che è possibile collezionare. Appassionato di Box-office, si occupa della sezione apposita e delle ultime news in campo cinematografico. 🙂
Stefano Terzoli

Stefano Terzoli

Nato nel 1988, è attualmente studente in Lingue Orientali all'università! Nonostante lo studio, passa il 90% del suo tempo a guardare Film e Telefilm di ogni tipo e genere. Grande fan dei Classici Disney fin dai suoi primi mesi di vita, colleziona tutto ciò che è possibile collezionare. Appassionato di Box-office, si occupa della sezione apposita e delle ultime news in campo cinematografico. :)

2 pensieri riguardo “ESCLUSIVA: Intervista a Marjorie Biondo, voce italiana di Belle (e non solo)

Rispondi